MR Marketing

Fri 6th October 2017

Inizia nel fine settimana uno dei più interessanti eventi milanesi del #vino. Noi ci saremo, e ci saranno anche Cantine Colosi, Quintopasso, La Vis e Cesarini Sforza Spumanti! #bottiglieaperte2017 ... Vedi di piùVedi di meno

Leggi su FB

Ancora Tre Bicchieri per il Lambrusco del Fondatore Cleto Chiarli

Per il quinto anno consecutivo i Sorbara dell’azienda vinicola emiliana ottengono il massimo riconoscimento della prestigiosa Guida del Gambero Rosso.

Colore rosso rubino chiaro, profumo fresco, pronunciato, fine, caratterizzato da un’inconfondibile nota di violetta, sapore delicato, sapido, armonico, gradevolmente acidulo ma leggermente aromatico e fruttato. E’ questo l’identikit del Lambrusco di Sorbara, la vera star del territorio modenese che negli ultimi anni riscuote i sempre più convinti favori della critica, oltre all’apprezzamento già da molto tempo dimostrato dai consumatori.

Chiarli, uno degli interpreti più autentici del mondo del Lambrusco, e del suo percorso di rinascita nel solco della tradizione, incassa anche quest’anno, il quinto consecutivo, i Tre Bicchieri del Gambero Rosso 2014 per uno dei suoi Sorbara. Ad ottenere il prestigioso riconoscimento assegnato da una delle più autorevoli guide ai vini italiane è lo storico purosangue prodotto dalla Cleto Chiarli Tenute Agricole a Castelvetro, il Lambrusco del Fondatore, Sorbara in purezza fermentato in bottiglia.

Il caratteristico colore torbido e il residuo di lieviti sul fondo lo rendevano fino a poco tempo fa una delle espressioni “più difficili” del Lambrusco, una “chicca” per gli appassionati dei sapori del “Lambrusco dei tempi passati”; ora il valore e l’eccezionale particolarità del Fondatore vengono riconosciuti su sempre più larga scala, di pari passo con il crescente apprezzamento in Italia e all’estero per il Sorbara e per tutto il mondo dei Lambrusco.

“Siamo felici e orgogliosi per questo risultato che conferma ancora una volta la bontà del nostro lavoro” afferma Anselmo Chiarli, titolare insieme al fratello Mauro della Cleto Chiarli Tenute Agricole, “e vorremmo condividere la soddisfazione di questo momento con tutto il distretto alimentare e vinicolo modenese impegnato insieme a noi nella tutela e nella valorizzazione delle tipicità del nostro territorio.”

 

Cleto Chiarli Tenute Agricole (www.chiarli.it) è il coronamento di una storia d’imprenditoria vinicola iniziata nel lontano 1860 quando, nell’anno dell’Unità d’Italia, Cleto Chiarli – trisavolo dei fratelli Anselmo e Mauro che oggi rappresentano la quarta generazione alla guida dell’azienda – avvia per primo a Modena la produzione di Lambrusco segnando il fortunato inizio di quella che è poi diventata l’attività della famiglia per il futuro a venire. Oggi la nuova azienda, con sede a Castelvetro nella Tenuta Cialdini, rappresenta sotto l’egida del capostipite un importante polo produttivo oltre ad essere luogo di ricerca, valorizzazione e promozione della migliore cultura vinicola emiliana.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Comments are closed.