Cantine Colosi e l’accoglienza in cantina post-Covid

A Salina, nell’arcipelago vulcanico delle isole Eolie, Cantine Colosi conferma l’apertura della stagione di enoturismo per l’estate 2020.

Un tour tra i filari nei suggestivi terrazzamenti sul mare delimitati dai tipici muretti a secco, tra i profumi della macchia mediterranea e le vedute mozzafiato, e nella cantina di vinificazione parzialmente interrata e immersa nei vigneti di Corinto Nero, Nerello Cappuccio, Inzolia, Catarratto e Malvasia, tutti vitigni tipici della viticoltura isolana mediterranea, seguito infine dall’immancabile degustazione sulla splendida terrazza di Casa Colosi prospiciente il mare. Qui, in questo luogo incantevole da cui è possibile ammirare le isole di Panarea e Stromboli all’orizzonte, si svolge il momento più conviviale e apprezzato dai visitatori che prevede l’assaggio dei sei vini Colosi prodotti sull’isola abbinati agli spuntini a base di prodotti tipici della cucina eoliana, il tutto arricchito dal sapiente racconto e dall’ospitalità familiare e genuina dei padroni di casa: Piero e Lidia Colosi, insieme ai figli Pietro e Marianna. Riparte così, con il consueto entusiasmo, la stagione di enoturismo e accoglienza di Cantine Colosi seppur con gli inevitabili
adeguamenti alle necessarie normative di sicurezza e distanziamento: prenotazione obbligatoria e visite organizzate solo per piccolissimi gruppi.
Per informazioni e prenotazioni: info@cantinecolosi.it.

“In quest’anno così difficile per tutti siamo ancor più felici di riaprire al pubblico, anche se con le necessarie attenzioni alle nuove normative anti-covid, mostrando ai tanti estimatori dei nostri prodotti il luogo speciale dove nascono” commenta Lidia Colosi, “I nostri vini sono l’espressione di un paesaggio e di una natura che li caratterizzano fortemente perché nella nostra piccola isola di Salina tutti gli elementi naturali sono amplificati: la luce e la forza del sole, gli effetti del mare, del vento, del suolo vulcanico. Sorseggiarli qui è come chiudere il cerchio, un’esperienza intensa che permette di cogliere appieno l’essenza del nostro lavoro”.

 

Share on Google+Share on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Comments are closed.