MR Marketing

Mon 16th April 2018

#LeMura #bio #CasaGirelli gruppo @CantinaLaVis : il primo vini #blockchain al mondo! Certificato con #EY ofgi a #Vinitaly2018 ... Vedi di piùVedi di meno

Leggi su FB

Fri 13th April 2018

IL VINO E IL SUO MONDO TI APPASSIONANO?
Ti piacerebbe lavorare a stretto contatto con aziende vinicole e persone di questo settore occupandoti di marketing, di comunicazione e di vendite? Oppure stai già lavorando in quest’ambito e vuoi considerare nuove opportunità, da un diverso punto di vista?
Noi stiamo cercando qualcuno che ci dia una mano.
Hai 25 / 35 anni, vivi a Milano Città, sei appassionato di vino, enogastronomia e ristorazione, scrivi bene in italiano, sei fluente anche in inglese, i social media sono il tuo pane quotidiano.
Vieni a conoscerci su www.rocchelli.eu e mandaci un curriculum.
Maurizio Rocchelli Srl dal 1980 a servizio del vino e dell’agroalimentare italiano.
#Milano #wine #winejob #MaurizioRocchelli
... Vedi di piùVedi di meno

Leggi su FB

Capitali stranieri puntano il vino italiano. Stiamo a guardare?

Tariko di Russian Standard Corporation sale all'86% di Gancia. Arnault di Lvmh compra Cova e Loro Piana. I Turchi Toksoz si aggiudicano Pernigotti. E poi c'è chi dice che nessuno vuole investire in un paese come l'Italia. Sarà, ma a noi capita spesso di intercettare l'interesse di importanti investitori esteri desiderosi di entrare in un comparto come quello vitivinicolo e in particolare di entrarvi dall'Italia. Ci chiedono di aiutarli a individuare aziende realmente capaci di vendere e forti di consolidate relazioni con la GDO nazionale e i principali importatori distributori dei mercati anglosassoni e di Sud e Nord America. E' evidente che chi guida le scelte strategiche di investimento dei detentori di grossi capitali internazionali ha letto nello scenario competitivo del vino in generale e nel valore espresso dal vino italiano in particolare una opportunità di valore che potrà, se ben gestita, svilupparsi sempre di più nel medio e lungo periodo anche perché oggi si compra a prezzi da saldo. Spiace notare come siano pochissimi gli investitori italiani capaci di questa stessa visione.

Mai come ora si apre la possibilità di operazioni forti e strategiche per il settore, operazioni cioè capaci di cambiare le regole del gioco dei prossimi anni e di proiettare il nostro sistema vino Italia verso l'infinito e oltre. Non mancano le aziende, non mancano i capitali, non mancano le competenze, non mancano le relazioni, non mancano le persone. Ma qualche cosa sta mancando e rischiamo di lasciare andare il nostro valore fuori dal nostro controllo e interesse.

A chi la prima mossa?

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPrint this pageEmail this to someone

Comments are closed.